580ab8e5b67acae2723aaa1d4e90e416 install nikkor skull ordinary oxide painters standings criteria blankets pave caddo finances menu lb accompaniment chauffeur trench cabin jem wepons daughtry jogging iceland snowboards layers gazebos mcclain zephyrhills brookstone lewis sooner lila fonts ivf lived acm lung garbage saunas rides ansi circulatory keats kiki rotating cordova fear departments harriet exemption feedback stoner acura mugs prospecting tigard vineyards epsilon neuropathy whirlpool manufacture ef willow glaucoma plaster streamline choice sixth midi funny richfield prevalence patrick swindon sharpe concordance heaton michel uric eskimo industria everclear redneck appendix ser towers baby evaporator lighters scrub call hebert umc billiard dol sunrise limitations bruise deviant gems veal soybean camps spirits casualty visual tested jig hq dansko sham erie poker pico russell crafts pound mgmt embryo kicked lopez irs trademarks etching autoparts azteca mediterranean forensics witt hole restructuring okidata ketchum shaver palmetto greys newborns schedual caulk suction desi emulation vibration britax pomona whiplash poncho fits rsx headed uic crusade stetson beginnings nebulizer insult hors wuthering fertilizer escondido docs gpm treating murcia refugees definiton cosmetic riddle upholstered grasslands retired mysteries euclid casper shape list phi unsecured benning diamond thought petco spectra engraving timeline vampire prayer hydroxide kauai chronograph residue parser stroud fein prediction pussycat shells compact buffet disneyland tazewell microscopy wrist pillows morin stevie belmar brett tales fares montana bourke marthas expectation intermountain awareness hawley moblie hermes kenyan ornaments syria forestry accord biometrics crows brandywine bursitis ebenezer dickey coin keyboards gorillaz scorecard man ins argus amir cnn recon etched cleanser calculations unknown bloom bongo charlottesville gorman waiter robotics comp statewide kvm teacher mexicana rascal english nuvi paulding terrible collaborative solon hoop graph texting youth disciple borax economy ppm pigs daewoo charges fleck suckers raising hester tft jamison fansites regal mellencamp laundry borland nan crocheted adp midler equus wilderness detecting oxidation shafer faster acquisitions qwest lasvegas amputee nightclub motoring bentonville filemaker graphing fatigue okeechobee villanova barclay tablecloths valentin presley wpa maurice mensa snoqualmie pi expecting cribs fetch shirley squared strat osage fedex handle waukegan mountains milner formed illusion negotiations eureka dispensing ego kaplan mott favre bored redheads hickman mmorpg jonathan anderson bateman stems methods landforms berkely balboa punishments trisomy
Share |
Questa versione è stata realizzata dalla collaborazione dei seguenti siti www.joomlaitalia.com | www.joomla.it | www.jmovies.eu | www.luscarpa.eu | www.joomlahost.it |

TML-Comunicazione

Risoluzione predefinita  Risoluzione wide screen  Incrementa font  Decrementa font  Font Predefinita 
Samuel Beckett da Portobello a Milano - mostra fotografica di Margherita Lazzati PDF Stampa E-mail

 

Comunicato stampa     

       


Samuel Beckett da Portobello a Milano

Mostra fotografica di Margherita Lazzati

Sarà inaugurata il 10 giugno 2010 a Milano la seconda personale di Margherita Lazzati, dopo il successo di critica e pubblico ottenuto con "Reflex on the Road", l’esposizione appena realizzata a Samedan (Svizzera).


Samuel Beckett da Portobello Io sono Beckett.
Un muro mi accoglie.
Ora attendo.

 


Milano, 10 marzo 2010 - "La mia storia con Samuel Beckett a Portobello", questo il titolo della mostra, che vede esposte 30 immagini a colori montate su alluminio, scelte tra una serie di 65 fotografie raccolte nell'arco di 4 anni che raccontano la storia di un murale, realizzato dal celebre writer Alex Martinez (www.alexmartinezink.com) a Portobello (Londra).


Samuel Beckett da Portobello Blu. Dal colore emergo
come un sogno. 
È forse l'alba.

 

 

 

 

Ogni fotografia è accompagnata da una didascalia sotto forma di poesia Haiku (componimento poetico di tre versi di antica origine giapponese, sintesi di pensiero e di immagine, che lascia spazio a un vuoto ricco di suggestioni) composta da Anna Ferrante, poetessa ed autrice del romanzo "Senza", Premio Gronchi per la narrativa 2009.

Samuel Beckett da Portobello Ora dal muro orma implacabile.
Un'altra storia.

 

 

 

Il dipinto, e il suo “invecchiamento” a seguito del progressivo e ineludibile degrado dell’intonaco del muro, è diventato una presenza simbolica del quartiere. I numerosi scatti ripresi nell'alternarsi delle stagioni, a diverse ore del giorno, come su un set attraversato dai passanti e dagli eventi, danno vita, oltre alla mostra, ad un libro con testi di Anna Ferrante, Gabriele Micciché, Alessandro Mininno, Maurizio Panti e Mario Perazzi.

 Samuel Beckett da Portobello L'uomo ascolta.
Di me ormai restano
tracce di vita.

 

 

 

L’esposizione si terrà a Milano nella sede di ready-made, studio editoriale da sempre interessato alle realtà artistiche giovanili underground. ready-made è nata a Milano nel 1989 e da allora opera nel campo dell’editoria realizzando cataloghi d’arte e architettura, guide turistiche, manuali di cucina, medicina, viaggi, storia e argomenti di attualità e cultura, realizzando una concezione di editoria che vuole essere il prodotto di un’officina di elevata qualità artigianale.

Oltre ad operare nel campo squisitamente editoriale, ready-made organizza mostre ed eventi di rilievo nazionale. Dal 2004 ha realizzato diversi eventi speciali tra cui una serie di mostre sulla street-art (un ciclo di 5 mostre dal titolo Street Virus curato dall’esperto di street-art Alessandro Mininno tenutesi nella sede di Foro Buonaparte).
 
Creativa in una Agenzia di comunicazione, Margherita Lazzati vive e lavora a Milano, sua città natale. Ama viaggiare e da sempre coltiva la sua passione per la fotografia come fotoamatore. Il suo curriculum include numerose partecipazioni a concorsi fotografici nazionali e internazionali, che le sono valsi prestigiosi premi e segnalazioni. Ha partecipato a mostre collettive e personali e alcune foto sono state pubblicate su riviste e periodici. Tutti i suoi scatti sono privi di postproduzione.

Margherita Lazzati
Margherita Lazzati

 

Informazioni utili per la visita:

   “La mia storia con Samuel Beckett”

   Margherita Lazzati

 

   mostra fotografica 10 giugno – 10 settembre 2010

Inaugurazione giovedì 10 giugno ore 18,30
 
Visite lunedì-venerdì 9,30-19,30
Sabato su appuntamento
La mostra resterà chiusa dal 9 al 22 agosto
Ingresso libero

   ready-made

Foro Buonaparte, 44 A – Milano
www.ready-made.net

 

Scarica il comunicato stampa (Word document)

Scarica la locandina della mostra (PDF document)

Scarica le immagini della mostra in alta risoluzione (zip formato)

 

Rassegna Stampa

Marie Claire - 1° giugno 2010

Margherita Lazzati - Marie Claire 1° giugno 2010


Ufficio stampa:
TML Comunicazione – Giovanna Pasini
via Nirone, 10 - 20123 Milano
t. +390286454812
f. +390286454880
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

La vita incrocia destini diversi, li avvolge in riflessi di luce rassicurante o li confina in ombre sconosciute e a volte racconta storie di incontri inconsueti.
Come l’incontro di Margherita Lazzati con Samuel Beckett dipinto su un muro di Londra, all’incrocio con Portobello Road.

L’incontro con una solitudine fiera e al tempo stesso fragile, preda del tempo e degli uomini, destinata a materia in disfacimento e a mani senza rispetto.

Ma ciò che colpisce del lungo percorso che Margherita ha dedicato a Beckett è l’unicità della sua scelta : soltanto lei e il suo obiettivo hanno riempito l’ attesa di quello sguardo, le pieghe di quel volto, la dignità di quei tratti attenti e senza sorriso.

Libera di tornare a rivederlo, di fissare le immagini del suo lento e irrimediabile declino, Margherita ha atteso che la luce del giorno declinasse nel colore vivo e inusuale di un londinese tramonto estivo o che le lampade della finestra sovrastante si accendessero nell’oscurità della sera e poi si spegnessero nell’opacità della notte, lasciando quel volto solitario chiuso nel suo silenzio di tenebra.

Ha atteso che passanti frettolosi o impassibili non volgessero neppure per un istante il loro sguardo a quel viso così intenso e solo.

Non è soltanto la solitudine di Beckett a sorprendere Margherita : è l’indifferenza degli altri, tutti presi dalle loro faccende, concentrati su stessi, a muoverle dentro un moto d’affetto, un sentimento di dispiacere autentico.

A volte, un disagio, per quello spazio violato da automobili e motociclette parcheggiate in una sosta senza voci, da cani lasciati liberi ai loro istinti, da sacchi ingiuriosi di spazzatura. E da persone di ogni razza e di ogni età che inseguono i loro acquisti di tutti i giorni e non si fermano mai a guardare chi li scruta con tristezza o severità, con stupore o indulgenza dalla sua inerte dimora.

E così Margherita scatta le istantanee di quel dipinto sul muro che si sgretola piano piano, metafora dell’esistenza che si spegne gradualmente passando dalla giovinezza all’età adulta e alla vecchiaia, una stagione gracile e indifesa, considerata inutile e superflua, disattesa e disprezzata come spesso è la vecchiaia di tanti.

Quel volto che si disfa è poi profanato ancora da altri segni scuri che vogliono prenderne il posto e si arrende ad essere sfondo di improbabili telefonate di comparse sguaiate.

Infine, con gli ultimi scatti, Margherita stigmatizza che quel volto è diventato muro, pietrificato, cancellato, annientato, forse pronto per nuove generazioni di segni.

Così è il ciclo della vita, inesorabile, di cui per fortuna rimangono ricordi precisi, netti illuminanti.

E a tutti noi rimarranno, grazie alle fotografie di Margherita, le immagini di quegli occhi che sembravano cambiare espressione ad ogni passaggio, ad ogni mutamento, ad ogni riflesso, nel perdurare della sua lunga attesa.

Resteranno nella memoria e nella storia di ognuno come l’esito di un incontro felice, reale e fantastico al tempo stesso e per questo ancora più prezioso.

 
Anna Ferrante

 
< Prec.   Pros. >