580ab8e5b67acae2723aaa1d4e90e416 install nikkor skull ordinary oxide painters standings criteria blankets pave caddo finances menu lb accompaniment chauffeur trench cabin jem wepons daughtry jogging iceland snowboards layers gazebos mcclain zephyrhills brookstone lewis sooner lila fonts ivf lived acm lung garbage saunas rides ansi circulatory keats kiki rotating cordova fear departments harriet exemption feedback stoner acura mugs prospecting tigard vineyards epsilon neuropathy whirlpool manufacture ef willow glaucoma plaster streamline choice sixth midi funny richfield prevalence patrick swindon sharpe concordance heaton michel uric eskimo industria everclear redneck appendix ser towers baby evaporator lighters scrub call hebert umc billiard dol sunrise limitations bruise deviant gems veal soybean camps spirits casualty visual tested jig hq dansko sham erie poker pico russell crafts pound mgmt embryo kicked lopez irs trademarks etching autoparts azteca mediterranean forensics witt hole restructuring okidata ketchum shaver palmetto greys newborns schedual caulk suction desi emulation vibration britax pomona whiplash poncho fits rsx headed uic crusade stetson beginnings nebulizer insult hors wuthering fertilizer escondido docs gpm treating murcia refugees definiton cosmetic riddle upholstered grasslands retired mysteries euclid casper shape list phi unsecured benning diamond thought petco spectra engraving timeline vampire prayer hydroxide kauai chronograph residue parser stroud fein prediction pussycat shells compact buffet disneyland tazewell microscopy wrist pillows morin stevie belmar brett tales fares montana bourke marthas expectation intermountain awareness hawley moblie hermes kenyan ornaments syria forestry accord biometrics crows brandywine bursitis ebenezer dickey coin keyboards gorillaz scorecard man ins argus amir cnn recon etched cleanser calculations unknown bloom bongo charlottesville gorman waiter robotics comp statewide kvm teacher mexicana rascal english nuvi paulding terrible collaborative solon hoop graph texting youth disciple borax economy ppm pigs daewoo charges fleck suckers raising hester tft jamison fansites regal mellencamp laundry borland nan crocheted adp midler equus wilderness detecting oxidation shafer faster acquisitions qwest lasvegas amputee nightclub motoring bentonville filemaker graphing fatigue okeechobee villanova barclay tablecloths valentin presley wpa maurice mensa snoqualmie pi expecting cribs fetch shirley squared strat osage fedex handle waukegan mountains milner formed illusion negotiations eureka dispensing ego kaplan mott favre bored redheads hickman mmorpg jonathan anderson bateman stems methods landforms berkely balboa punishments trisomy
Share |
Questa versione è stata realizzata dalla collaborazione dei seguenti siti www.joomlaitalia.com | www.joomla.it | www.jmovies.eu | www.luscarpa.eu | www.joomlahost.it |

TML-Comunicazione

Risoluzione predefinita  Risoluzione wide screen  Incrementa font  Decrementa font  Font Predefinita 
Terme di Porretta - Patologie musicisti Stampa E-mail

 COMUNICATO STAMPA


 

   LA CASA DELLA MUSICA

LA RIABILITAZIONE DEL MUSICISTA
dott. Furia Franco, Direttore Sanitario
(articolo tratto dal sito Salute e Benessere Terme di Porretta )

Il musicista, a prescindere da quale strumento utilizzi, costituisce un “mondo” estremamente complesso, difficilmente riducibile a schemi ben definiti.
Il corpo di un musicista, in senso strettamente anatomico, è uguale a quello di tutti noi, ma le comuni emozioni, i normali stati d’animo quali la gioia, la delusione, la paura, la tristezza, la melanconia acquistano nell’artista toni più accentuati e a volte drammatici.
Diverse e tutte particolari sono poi le sollecitazioni cui le strutture anatomiche del suo corpo sono sottoposte in dipendenza del tipo di strumento utilizzato e delle conseguenti posture assunte.
Se tutto ciò, da un lato può costituire un aspetto bello e positivo, certamente per l’artista, è frutto di frequenti preoccupazioni, anche e soprattutto in funzione della specifica attività musicale.
E’ quindi quanto mai indispensabile per il musicista, arrivare o per lo meno tendere costantemente, ad un equilibrio psico-fisico il più costante possibile.
Con il termine “psico-fisico” ecco enunciato il campo di azione nel quale cercare di agire perché l’artista possa essere, il più a lungo possibile, in grado di esprimere e quindi donare, tutto il “mondo” che si porta dentro.

L’intervento, dal punto di vista sanitario, deve essere indirizzato in due sensi: preventivo e riabilitativo.
L’ intervento preventivo, di enorme interesse, va rivolto soprattutto alla fascia di musicisti per così dire “giovani”, fin da quando frequentano il Conservatorio, in modo da prevenire quelle affezioni che possono esitare in vere e proprie malattie professionali.
Il momento della prevenzione non ha comunque limiti di età: anche se certe patologie si sono già manifestate, l’ instaurare opportuni ed adeguati trattamenti ed il correggere ad esempio le posizioni scorrette che le hanno causate, può dare sollievo immediato ed evitare la cronicizzazione di tali patologie.
Il momento riabilitativo è invece indicato in quei musicisti che presentino patologie con sintomatologie ricorrenti o ormai cronicizzate.
Per costoro è indispensabile costruire protocolli terapeutici, che in virtù della variabilità della situazione dovranno essere personalizzati (ogni musicista ha il suo problema originato da cause quasi sempre diverse da quelle del collega con lo stesso problema).
Un altro aspetto fondamentale da tener presente è lo stress psicologico cui l’artista è sottoposto prima e durante un concerto o comunque nei vari momenti della sua attività musicale.
Tale situazione inevitabilmente porta un calo delle prestazioni musicali ( variabile da soggetto a soggetto ), anche per una eccessiva tensione muscolare a volte secondaria ad una particolare emotività.
Risulta che, troppo spesso, per ovviare a questi inconvenienti, l’artista faccia uso di farmaci (in modo particolare beta-bloccanti per diminuire la frequenza cardiaca, ansiolitici e tranquillanti per sedare lo stato di ansia).

 Le Terme di Porretta si pongono davanti a queste problematiche con l’ offerta della propria esperienza di vari decenni in campo sia riabilitativo che preventivo.
E’ un’ offerta a 360° che comprende:
    La prevenzione del danno posturale con analisi della postura, esercizi di riabilitazione della  stessa e lezioni nel corso delle quali si apprende cosa e come fare per evitare tali problematiche
   Il trattamento delle patologie osteoarticolari e muscolari con l’ utilizzo dei mezzi termali (bagni, fanghi, inalazioni, massaggi), ossia dei mezzi curativi più antichi e naturali che esistano
    La riabilitazione delle funzioni osteoarticolari più seriamente compromesse utilizzando i metodi  riabilitativi classici ma soprattutto la “crenokinesiterapia” (ossia la riabilitazione in piscina termale  con gli enormi vantaggi in tema di potenziamento dell’ intervento e di riduzione dei tempi  necessari al recupero che questa offre)
   La riabilitazione delle funzioni respiratorie sia con l’ utilizzo delle acque termali sulfuree (o in casi particolari salsobromoiodiche) per via inalatoria o per ventilazione polmonare  sia con una specifica rieducazione alla respirazione tramite ginnastica respiratoria specifica
    La possibilità di praticare ed imparare tecniche di rilassamento che aiutino il musicista nei  momenti più stressanti della sua attività senza utilizzare trattamenti farmacologici.

 

 

 

 

Per ulteriori approfondimenti consultate il sito  www.termediporretta.it

Articoli correlati: Primo centro Termale alle Terme di Porretta

Comunicato stampa (word format)

Immagini

immagini in alta risoluzione (zip format)

Volantino - Locandina promozione

 

Informazioni e ufficio stampa:
Donata Piva - TML Comunicazione
via Nirone, 10 - 20123 Milano
t. +39 02 86454812
f. +39 02 86454880
m. +39 328 0157740
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

 

 

 

Le Terme di Porretta si trovano nella cittadina di Porretta Terme, Alta Valle del Reno nel cuore dell’Appennino tosco-emiliano, a 73 km da Bologna, 72 da Firenze e 35 km da Pistoia. Un centro antico di origini medievali, ma già famoso in età romana, posto a circa 400 metri sul livello del mare e circondato da splendidi boschi. Porretta Terme deve la sua fama alle straordinarie proprietà curative delle sue acque sulfuree e cloruro sodiche bicarbonate.

Le Terme di Porretta sono facilmente raggiungibili in auto (Autostrada A1, uscita Sasso Marconi; autostrada A11, uscita Pistoia), in treno via Bologna o Pistoia e in aereo: l’aeroporto internazionale di Pisa dista soltanto 100 km.

La struttura termale e gli alberghi Castanea e Salus, siti al suo interno, sono aperti tutto l’anno.

 

 

 
< Prec.   Pros. >