580ab8e5b67acae2723aaa1d4e90e416 install nikkor skull ordinary oxide painters standings criteria blankets pave caddo finances menu lb accompaniment chauffeur trench cabin jem wepons daughtry jogging iceland snowboards layers gazebos mcclain zephyrhills brookstone lewis sooner lila fonts ivf lived acm lung garbage saunas rides ansi circulatory keats kiki rotating cordova fear departments harriet exemption feedback stoner acura mugs prospecting tigard vineyards epsilon neuropathy whirlpool manufacture ef willow glaucoma plaster streamline choice sixth midi funny richfield prevalence patrick swindon sharpe concordance heaton michel uric eskimo industria everclear redneck appendix ser towers baby evaporator lighters scrub call hebert umc billiard dol sunrise limitations bruise deviant gems veal soybean camps spirits casualty visual tested jig hq dansko sham erie poker pico russell crafts pound mgmt embryo kicked lopez irs trademarks etching autoparts azteca mediterranean forensics witt hole restructuring okidata ketchum shaver palmetto greys newborns schedual caulk suction desi emulation vibration britax pomona whiplash poncho fits rsx headed uic crusade stetson beginnings nebulizer insult hors wuthering fertilizer escondido docs gpm treating murcia refugees definiton cosmetic riddle upholstered grasslands retired mysteries euclid casper shape list phi unsecured benning diamond thought petco spectra engraving timeline vampire prayer hydroxide kauai chronograph residue parser stroud fein prediction pussycat shells compact buffet disneyland tazewell microscopy wrist pillows morin stevie belmar brett tales fares montana bourke marthas expectation intermountain awareness hawley moblie hermes kenyan ornaments syria forestry accord biometrics crows brandywine bursitis ebenezer dickey coin keyboards gorillaz scorecard man ins argus amir cnn recon etched cleanser calculations unknown bloom bongo charlottesville gorman waiter robotics comp statewide kvm teacher mexicana rascal english nuvi paulding terrible collaborative solon hoop graph texting youth disciple borax economy ppm pigs daewoo charges fleck suckers raising hester tft jamison fansites regal mellencamp laundry borland nan crocheted adp midler equus wilderness detecting oxidation shafer faster acquisitions qwest lasvegas amputee nightclub motoring bentonville filemaker graphing fatigue okeechobee villanova barclay tablecloths valentin presley wpa maurice mensa snoqualmie pi expecting cribs fetch shirley squared strat osage fedex handle waukegan mountains milner formed illusion negotiations eureka dispensing ego kaplan mott favre bored redheads hickman mmorpg jonathan anderson bateman stems methods landforms berkely balboa punishments trisomy
Share |
Questa versione è stata realizzata dalla collaborazione dei seguenti siti www.joomlaitalia.com | www.joomla.it | www.jmovies.eu | www.luscarpa.eu | www.joomlahost.it |

TML-Comunicazione

Risoluzione predefinita  Risoluzione wide screen  Incrementa font  Decrementa font  Font Predefinita 
Continental - One million DTCO PDF Stampa E-mail

 

Logo Continental

Prodotto il milionesimo tachigrafo digitale

In aumento la sicurezza sul lavoro e sulle strade
Il 17 gennaio 2008 dalla linea di produzione di VDO è uscito il milionesimo tachigrafo digitale (VDO DTCO 1381)
Continental festeggia un importante traguardo: il 17 gennaio 2008 l’impianto di Villingen-Schwenningen in Germania ha prodotto il suo milionesimo tachigrafo digitale (VDO DTCO 1381). Questo strumento, installato per legge su tutti i veicoli commerciali nuovi con un peso che superiore alle 3,5 tonnellate di massa totale a terra (MTT) o sugli autobus con più di 9 posti, registra elettronicamente i tempi di guida e di sosta nella sua memoria e nel chip della carta conducente. VDO, azienda del gruppo Continental, ha anche predisposto una serie omnicomprensiva di servizi, a supporto di tutti coloro che si trovano a dover utilizzare questo nuovo strumento.


Milano, febbraio 2008 - VDO, Azienda del Gruppo Continental, il maggior produttore mondiale di componenti destinati alle flotte tra cui tachigrafi e telematica, annuncia il raggiungimento del milionesimo tachigrafo digitale prodotto, a soli due anni e mezzo dall’inizio della produzione in serie del VDO DTCO 1381. Il prestigioso traguardo è stato raggiunto il 17 gennaio scorso negli impianti di Villingen-Schwenningen in Germania. VDO ha iniziato a studiare e produrre strumenti analogici atti a registrare i periodi di guida e di sosta su dischi cartacei fin dal 1923, per poi impegnarsi nel mondo del digitale con lo sviluppo e la messa in produzione del DTCO 1381 nell’estate del 2005.
Da vero leader del settore, VDO non si limita tuttavia alla sola produzione dello strumento di registrazione, ma la sua offerta spazia su tutta una serie di servizi ad esso connessi, affiancando quotidianamente l’utente in ogni aspetto previsto dalla rigida normativa europea, dallo scarico dei dati, all’archiviazione e all’eventuale successiva analisi statistica.


Per rendere più agevole lo scarico dei dati, VDO ha infatti studiato una speciale Downloadkey da inserire direttamente nel tachigrafo e un apposito Lettore di Carte in grado di leggere il chip della carta conducente. Ma anche il Download Terminal, un terminale di scarico dati facilmente posizionabile a bordo e in grado di collegarsi alla rete aziendale senza richiedere la presenza di un computer o l’Outdoor Terminal, il terminale di scarico dati che si posiziona in aree che non necessitano di presidio, per poter procedere con lo scarico anche al di fuori dell’orario di lavoro.
Per archiviare i dati, invece, VDO ha messo a punto speciali software che consentono all’utente di gestire i dati in tutta tranquillità, sia privatamente sui propri computer (TIS-Office) sia via Internet sui potenti server della compagnia (TIS-Web).


VDO ha inoltre elaborato e organizzato appositi programmi di training per tutte le categorie di utenti, dai conducenti ai gestori di flotte, dai tecnici d’officina alle autorità competenti preposte ai controlli. E ha anche predisposto una fitta rete europea di officine autorizzate, i VDO Digital Partner, circa 10.000 punti dove trovare assistenza nell’uso, la manutenzione, la calibratura e la revisione del tachigrafo, obbligatoria ogni due anni.


Infine, è a disposizione dell’utenza anche un esauriente portale Internet dedicato a tutte le problematiche connesse all’uso dello strumento, una piattaforma informativa multilingue dove trovare informazioni complete sui requisiti del tachigrafo digitale, sulla rete dei VDO Digital Partner e sui prodotti e i corsi di formazione di VDO (www.siemensvdo.it/dtco).
“Un milione di tachigrafi in così poco tempo – ci tengono a sottolineare i responsabili della multinazionale – è un successo inaspettato, certamente riconducibile al nostro know-how e alla nostra pluriennale esperienza, ma anche alla vasta gamma di servizi accessori che siamo in grado di offrire rispetto alla concorrenza".
Il tachigrafo digitale è stato reso obbligatorio dall’Unione Europea per garantire una maggiore sicurezza contro le manomissioni, molto frequenti ai tempi del tachigrafo analogico. Questo strumento deve essere installato per legge su tutti i veicoli commerciali con un peso superiore alle 3,5 tonnellate di massa totale a terra (MTT) o sugli autobus con più di 9 posti, immatricolati dopo il 1° maggio 2006.
Le varie funzioni che caratterizzano questo nuovo fondamentale rilevatore elettronico di dati, quali un minor numero di ore alla guida, un controllo costante della velocità massima e delle soste obbligatorie, si traducono in una maggiore sicurezza per tutti gli utenti della strada, pedoni, ciclisti, motociclisti, automobilisti e una maggiore sicurezza sul posto di lavoro, la strada appunto, per l’autotrasportatore. Oltre ad essere considerato, in tutta Europa, da parte delle associazioni sindacali un valido strumento per la tutela dei diritti di coloro che operano nel mondo dei trasporti.


Le immagini
Scarica il comunicato stampa (word document)
Scarica le immagini in alta risoluzione (zip format)
Media Database

 

Per ulteriori informazioni:

TML comunicazione
Tullio Turci – Giovanna Pasini
via Nirone 10 – 20123 Milano
Tel. 02 86 45 48 12
Fax 02 86 45 48 80
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Con un fatturato annuo di oltre 25 miliardi di euro nel 2006, Continental Corporation è tra i primi 5 fornitori mondiali dell’industria automobilistica. Come fornitore di sistemi frenanti, sistemi e componenti per trasmissione e telaio, strumentazione, soluzioni infotainment,  elettronica di bordo, pneumatici ed elastomeri tecnici, Continental contribuisce al miglioramento della sicurezza di guida e alla salvaguardia dell’ambiente. Le competenze di Continental si estendono anche al mondo della comunicazione in rete per l’automobile. Attualmente, il gruppo occupa circa 150.000 dipendenti in circa 200 siti sparsi in 36 paesi del mondo.
Fornitore di operatori OEM e aftermarket a livello mondiale, la Divisione Interior di Continental AG sviluppa e produce sistemi elettronici che consentono il controllo e la comunicazione delle informazioni all’interno dei veicoli sulla base delle necessità del conducente e delle condizioni di guida. La Divisione Interior ha un fatturato annuo superiore ai 6 miliardi di euro e impiega oltre 33.000 dipendenti. La gamma dei prodotti comprende cluster strumenti e display multifunzione, centraline, sistemi elettronici per l’accesso alla vettura, sistemi di rilevamento dati dei pneumatici, climatizzatori, impianti radio, sistemi multimediali e navigatori, soluzioni telematiche, moduli e sistemi cockpit. La divisione sviluppa inoltre dispositivi elettronici per le comunicazioni tra le auto (car-to-car) e tra l’automobile e le infrastrutture (car-to-infrastructure), l’accesso a internet e l’integrazione degli apparecchi mobili (car-to-device). L’impegno dell’azienda verso l’integrazione riduce la complessità dei sistemi e assicura soluzioni efficienti ed economiche per la gestione delle informazioni all’interno di vetture, veicoli commerciali e industriali.
 
< Prec.   Pros. >